Omicidio di via della Maggia: la vittima lascia sei figli

L'uomo alla guida dell'auto che ha investito e ucciso Omar Ghirardini si è difeso dicendo che «voleva solo chiarire»

Omar Ghirardini. Fonte: Facebook

A distanza di un giorno dall'uccisione di Omar Ghirardini, il 35enne investito mortalmente mentre camminava in via della Maggia, emergono i particolari che hanno portato alla terribile vendetta di uno dei fratelli della moglie della vittima. Ad avere ucciso Omar è stato Renat Hadzovic, alla guida di un suv Bmw X6 lanciato a tutta velocità all'inseguimento del suo obiettivo. 

I fatti. Nel tardo pomeriggio di venerdì, la vittima facendo ritorno a casa, nell'appartamento di San Polo dove viveva con moglie e 6 figli, non ha trovato ad attenderlo la compagna. Raggiunta telefonicamente, ha scoperto che si era recata presso il campo rom di via Borgosatollo per la festa di compleanno di una nipotina. Una volta giunto nel campo, Ghirardini ha prima avuto una violenta discussione con la donna, poi con i suoi tre fratelli, feriti - uno alla mano, uno al braccio e uno all'addome - con un coltello prima di fuggire a piedi. Sulle sue tracce si è messo Renat Hadzovic: una volta giunto in via della Maggia l'uomo ha intravisto dalla parte opposta della strada il suo obiettivo e, dopo aver invertito il senso di marcia a una rotonda, lo ha deliberatamente investito, lasciandolo a terra privo di vita. Nell'impatto, il suv ha perso la targa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giunti sul posto nel giro di pochi minuti, gli agenti della Polizia locale cittadina hanno raccolto le testimonianze di un paio di testimoni oculari della scena. Grazie anche alla targa, si sono recati al campo rom di via Borgosatollo dove nel frattempo già erano arrivati i carabinieri che stavano raccogliendo elementi utili per chiarire il ferimento dei tre fratelli. Il fermo dell'omicida viene diramato alle 5 del mattino: l'uomo si trova al carcere Nerio Fischione in attesa della convalida dell'arresto. Stando alle prime dichiarazioni emerse, pare che l'uomo abbia detto che non fosse sua intenzione quella di uccidere il cognato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Va a fare la spesa, viene travolta sulle strisce: donna in fin di vita

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

Torna su
BresciaToday è in caricamento