'Ndrangheta, maxi sequestro di beni: coinvolta anche Brescia

Il sequestro ha riguardato di beni mobili ed immobili riconducibili Salvatore Mancuso, ritenuto il boss dell'omonima 'ndrina di Limbadi e Nicotera

Salvatore Mancuso

Nelle prime ore del mattino, nelle province di Brescia, Monza, Milano, Como, Bergamo e Vibo Valentia, i carabinieri del Gruppo di Monza hanno eseguito sequestri preventivi ritenuti collegati alla cosca 'ndranghetosa dei Mancuso.

I sequestri sono scaturiti nell'ambito di una maxi inchiesta denominata 'Sunrise' e condotta dal Nucleo investigativo di Monza che ha portato all'emissione di un provvedimento di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca di beni mobili ed immobili riconducibili Salvatore Mancuso di Giussano (Monza), attualmente detenuto presso la casa circondariale di Monza e ritenuto il boss dell'omonima 'ndrina di Limbadi e Nicotera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento