I tentacoli della 'ndrangheta sull’Expo: tutti i nomi dei bresciani coinvolti

I nomi dei cinque "bresciani" coinvolti a margine dell'inchiesta "Rent" di Guardia di Finanza e Direazione Distrettuale Antimafia: affari milionari, tra cosche calabresi e soldi lombardi

Soldi “sporchi di mafia” che potrebbero essere stati utilizzati anche per le grandi opere lombarde, su tutte i padiglioni di Expo e il nuovo maxi-centro commerciale di Arese. Per la Guardia di Finanza l'organizzazione criminosa smascherata dall'Antimafia di Reggio Calabria avrebbe infatti partecipato “alla realizzazione dei padiglioni della Cina e dell'Ecuador, alle opere di urbanizzazione e delle infrastrutture di Expo 2015, al subappalto per Ferrovie Nord, all'ipermercato di Arese, al consorzio di Bereguardo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Affari loschi negli appalti che contano, e milioni e milioni di euro riconducibili a reati come associazione di stampo mafioso e riciclaggio. Dalla Calabria alla Lombardia, e anche oltre: gli investimenti “sospetti”, i milioni di euro delle cosche, sarebbero arrivati fino in Romania (per la costruzione di un resorto con impianto sciistico da decine di milioni) e in Canada. Le province coinvolte e i “bresciani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Quattro mesi di lotta contro il Coronavirus: è morto il dottor Fiorlorenzo Azzola

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Scontro mortale in autostrada: decedute due sorelle bresciane

  • Bambina scomparsa nel nulla a Serle: condannata l'educatrice

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

Torna su
BresciaToday è in caricamento