Silos esploso a Orzinuovi: morto al San Martino di Genova operaio 49enne

Il decesso è stato causato dalle sostanze tossiche inalate all'interno del silos a seguito dell'esplosione

fonte: Teletutto

Ferdinando Gatti non ce l'ha fatta. L'operaio 49enne, rimasto coinvolto nell'esplosione di un silos all'Industria Mangimi Brescia di Orzinuovi, è spirato all'ospedale San Martino di Genova.

Il decesso - fanno sapere i medici - è dovuto a quanto respirato all'interno del silos a seguito dell'esplosione, e non alle ustioni riportate.


Gatti, originario di Paratico, lascia moglie e due figli. Il paese è ora in apprensione per le sorti dell'altro operaio della Smac rimasto coinvolto nell'incidente, il 21enne Davide Siroli.

Il giovane è ricoverato al centro grandi ustionati dell'ospedale Bufalini di Cesena dopo aver riportato ustioni sul 70% del corpo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Travolta e investita da un camion sulle strisce pedonali: donna muore sul colpo

Torna su
BresciaToday è in caricamento