Tragedia Monte Rosa: le salme dei due aplinisti ancora a Zermatt

Per il rimpatrio delle salme si dovranno attendere alcuni giorni

Si trovano ancora a Zermatt, nel Canton Vallese della Svizzera, i corpi di Roberto Carmagnola e Aldo Bergamini, i due alpinisti morti sulla cresta Rey, a 4.300 metri di altezza, sul versante alpino del Monte Rosa.

Per il rimpatrio delle salme, complici le procedure particolarmente lunghe della polizia cantonale, si dovranno attendere alcuni giorni. Carmagnola, 44 anni, faceva parte della sezione di Borgosesia (Vercelli) del Soccorso alpino.

In cordata con Bergamini, 57enne originario di Brescia ma residente a Milano, tentava di raggiungere Punta Dufour, a 4.634 metri. Una insidiosa lastra di ghiaccio ha fatto perdere la presa ai due alpinisti, che sono scivolati per un centinaio di metri.

Le operazioni di soccorso hanno impegnato tre elicotteri del Soccorso alpino svizzero. Cordoglio a Borgosesia per la scomparsa del 44enne, molto conosciuto in città: sono ore di attesa tra conoscenti e parenti per conoscere le date delle sue esequie.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Allarme buche, la tangenziale è un groviera: rischio pneumatici forati

    • Politica

      Una vita tra cuffie e microfono: il ricordo commosso di Sancho

    • Cronaca

      "Faccio una telefonata, arrivo subito". Poi scappa con 12.000 euro in contanti

    • Eventi

      Eventi: cosa fare a Brescia e provincia dal 28 aprile al 1° maggio 2017

    I più letti della settimana

    • Lo aggrediscono in dieci, ferito alla gola: ragazzo grave in ospedale

    • Bimbo morso da una vipera, panico al picnic con mamma e papà

    • Tragico incidente in A4, morta una ragazza di 30 anni

    • Incidente a Poggio Rusco: morti Matteo Fiaccadori e Angelo Rossi

    • Polenta bresciana, allarme tossine: ritirate 6.000 confezioni dal mercato

    • Terrore in casa: faccia a faccia coi ladri, volano botte e spintoni

    Torna su
    BresciaToday è in caricamento