Polvere Sottile. Per non dimenticare il grande processo all’amianto

Al Centro Fiera del Garda l'incontro organizzato dal comitato SOS Terra e dall'associazione PresentARTsì, con la proiezione del docu film di Niccolò Bruna e Andrea Prandstraller: "Sei venuto anche tu a morire?"

La solita storia di profitto senza scrupoli, di profitto ad ogni costo. In Italia e in tutta Europa, in Asia e in Sud America l’amianto uccide ancora, tanto che le vittime dirette o indirette sfiorano le 100mila unità all’anno. E in Italia la solita storia di profitto senza scrupoli si è conclusa non troppi anni fa, con la chiusura dello stabilimento di Broni (Pavia) nel 1992. Nonostante gli oltre 3mila morti tra gli anni ’50 e ’80 conseguenti alla grande produzione Eternit di Casale Monferrato, con un processo che continua ancora oggi e che purtroppo corre il rischio della prematura prescrizione.

Al Centro Fiera del Garda la proiezione del docu film di Niccolò Bruna e Andrea Prandstraller ‘Polvere. Il grande processo dell’amianto’, l’amaro resoconto di quanto successo a Casale Monferrato di Alessandria, dalle morti continue e ripetute alla lunga lotta del processo, dalle battaglie della Camera del Lavoro ai silenzi dei padroni, le omissioni e le bugie. “Abbiamo accettato volentieri, informare non fa mai male – spiega il presidente del comitato SOS Terra Montichiari – in vista della prossima apertura della discarica di amianto, e di un nuovo impianto di trattamento rifiuti non pericolosi”.

“Noi non siamo contro a priori ma ci pare evidente che viviamo ormai in una zona più che tartassata”. A Montichiari si contano undici discariche: “Presto cominceremo con uno studio di valutazione ambientale perché siamo noi a volerli controllare. Loro ci ripetono e ci ripetono che l’impatto ambientale è nullo e gli effetti trascurabili, questa cosa ci fa molto arrabbiare. Si parla di rumore, di flora e fauna, di vista e paesaggio.. ma non si parla mai delle persone! Speriamo che tutte le forze politiche di Montichiari si mettano insieme per difendere i diritti dei cittadini”.

Al termine della proiezione il dibattito con la partecipazione del regista e della giornalista Ilaria Leccardi (che tra le tante cose è curatrice del blog PolvereSottile), oltre al presidente dell’associazione Voci della Memoria di Casale Monferrato Diego Quirino. “Siamo presenti qui per testimoniare la nostra solidarietà e il nostro sostegno – aggiunge invece Luca Martini di PresentARTsì, tra gli organizzatori della serata – alle associazioni di Montichiari e di Casale Monferrato. SOS Terra ha sempre sostenuto la nostra proposta, e vogliamo ringraziarli anche per quello che fanno tutti i giorni, su tematiche di cui spesso non si parla”.

Perché è sempre troppo presto per dimenticare. Per dimenticare il più grande processo penale mai intentato in Europa, quel processo di cui molte cause rischiano la prescrizione, e che conta 3mila morti in Provincia di Alessandria. “Eternit era un posto sicuro, un po’ come la Fiat. Ma ogni due giorni il manifesto dei morti cambiava, erano tutti operai dai 40 ai 60 anni. Finché uno di loro mi ha chiesto: anche tu.. sei venuto a morire?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento