Auto brucia nella notte, il proprietario scompare nel nulla: è mistero

A due settimane dal rogo di Via Dritta resta ancora irrisolto il mistero della Lancia Y bruciata a Montichiari, di fianco alla discarica Edilquattro

Foto d'archivio

Una storia strana, a cui mancano ancora tante risposte. Che fine ha fatto il proprietario dell'auto bruciata un paio di settimane fa in Via Dritta a Montichiari, non lontano dalla discarica Edilquattro? Il rogo di una Lancia Y, in quel caso, aveva provocato un incendio anche nell'area di stoccaggio di rifiuti, in particolare vernici, fissanti e bombolette spray. Ai fumi dell'auto in fiamme, infatti, si erano aggiunti gli odori nocivi del secondo piccolo incendio.

Le fiamme sono state domate, ma il mistero rimane irrisolto. La Lancia abbandonata (e bruciata) risulta essere di proprietà di un 35enne di nazionalità rumena, a quanto pare residente in provincia di Cremona. I carabinieri sono al lavoro, sia nella Bassa che oltre provincia. Ma dell'intestatario del mezzo ancora nessuna traccia.

Le ipotesi al vaglio dei carabinieri

Le ipotesi sono tante, e tutte al vaglio degli inquirenti. Il 35enne potrebbe trovarsi all'estero per lavoro. Oppure la sua auto potrebbe essere stata rubata e utilizzata per atti illeciti. Tutto è possibile, al netto degli indizi per ora presenti sul tavolo di chi sta indagando.

Non ci sono dubbi, comunque, sull'origine dolosa dell'incendio. L'auto è stata abbandonata e data alle fiamme, varcando la soglia di una stradina privata che porta vicino alla discarica. Altra domanda senza risposta, almeno per ora: perché lasciare l'auto proprio accanto all'impianto di stoccaggio dei rifiuti? I carabinieri indagano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento