Tanfo e malori a scuola per mamme e bambini: trovata la prima azienda responsabile

Emerge una prima responsabilità per i miasmi che circa un anno fa hanno colpito le scuole elementare di Vighizzolo: sotto la lente degli inquirenti la Geritall Due di Montichiari

I genitori dei bambini in protesta fuori dalla scuola © Bresciatoday.it

Non tutto il mistero è stato svelato, ma un po' alla volta i tasselli del puzzle si ricompongono: certo è che con il prosieguo delle indagini sembra sempre più chiaro che a scatenare i miasmi (e i malori) che hanno sconvolto le mamme e i bambini di Vighizzolo, esattamente un anno fa, non è stata una sola fonte, ma una serie di concause.

Questo è quanto scrive Bresciaoggi nel segnalare la prima azienda a cui sarebbe stata imputata una qualche responsabilità, in merito ai miasmi di cui sopra: si tratta della Geritall Due di Via Sigalina, specializzata in metalli non ferrosi e leghe, e per cui sarebbe già scattata una denuncia, per gestione non autorizzata e deposito incontrollato di rifiuti.

Non ci sarebbe alcuna responsabilità dell'azienda per quanto riguarda i primi miasmi, ma gli odori sentiti nei giorni successivi si sarebbero levati anche dal deposito della Geritall Due. In Via Segalina erano intervenuti i carabinieri del Noe (il Nucleo Operativo Ecologico) rilevando diverse irregolarità, e poi la Procura che invece ha imposto la bonifica per l'intero sito dove trova posto l'azienda.

A scatenare il tanfo sarebbe stata - scrive ancora Bresciaoggi - “la combustione dei residui di olio lubrificante impropriamente non rimosse di materiale ferroso che di volta in volta veniva bruciato”. Sarebbe stato poi il vento a trascinare quei miasmi fino a Vighizzolo e alla scuole elementari. Il resto è storia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento