Orrore in famiglia: picchia le figlie, minaccia di morte la moglie

Notte di terrore per una madre e le sue tre figlie: aggredite, picchiate e minacciate dal marito violento, allontanato e denunciato

Notte di terrore in un appartamento di Soresina, sul confine tra Brescia e Cremona: una donna di 51 anni e le sue tre figlie, poco più che 20enni, sono state picchiate dal marito violento, un operaio 53enne di nazionalità albanese, e tutte ricoverate in ospedale. Per fortuna niente di grave: se la caveranno con pochi giorni di prognosi.

L’uomo è già stato allontanato dall’abitazione di famiglia, a seguito dell’intervento dei carabinieri: non è stato beccato in flagranza di reato, e dunque non è stato arrestato ma denunciato. In attesa del processo, a cui rischia una condanna coi fiocchi: è accusato di maltrattamenti, minacce aggravate e lesioni personali.

Pugni e sberle, minacce di morte con un coltello

Un paio di sere fa l’ennesimo episodio di violenza in famiglia. A causa di un’immotivata gelosia, così avrebbero riferite le vittime, il 53enne avrebbe cominciato a prendere a pugni e a sberle la moglie. Le tre figlie sarebbero intervenute per difenderla, e lui avrebbe picchiato anche loro.

In ultimo, brandendo un coltello da cucina da almeno 15 centimetri, il marito violento avrebbe puntato di nuovo la moglie, minacciandola di morte. Le urla delle donne hanno allertato i vicini, che hanno subito chiamato il 112. All’arrivo della gazzella era già tutto finito. Ma l’uomo è stato portato via. E denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento