Orzivecchi: scavi per il metanodotto, spunta un cimitero

Tra Orzivecchi e Pompiano una nuova scoperta archeologica: i resti di un antico cimitero romano, forse addirittura degli Urcei. Sul posto gli archeologi della Soprintendenza, ma i lavori Snam proseguono senza intoppi

Percorso ad ostacoli per il nuovo metanodotto Snam che attraverserà almeno undici paesi della Provincia di Brescia per collegarsi poi ai tubi sotterranei che porteranno, appunto, il metano dalle pianure russe a quelle italiane. Già fortemente contestato dagli ambientalisti, per i rischi di una vasta zona che potrebbe essere addirittura considerata ad elevata sismicità, gli scavi saranno costretti ad una deviazione obbligata.

Tra Orzivecchi e Pompiano infatti, in corso d’opera, è stata rinvenuta un’antica area di sepoltura su cui ancora si dibatte a riguardo della datazione. C’è chi ha già parlato di un cimitero romano, chi invece di ‘residenze’ autoctone, in zona ci abitavano infatti gli Urcei.

Diversi reperti, buche profonde e vere e proprie tombe: ma niente paura, fin dalla partenza dalla Snam avevano previsto la possibilità di ritrovamenti archeologici, e gli scavi sono seguiti passo passo da un team di archeologi della Soprintendenza di Brescia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento