Mazze e flessibili per sfondare porte e finestre: rubavano soldi e gioielli

Un bandito è stato arrestato, l’altro è ancora in fuga: blitz dei carabinieri in un’abitazione di Ciliverghe di Mazzano

Un rapinatore in manette, un altro ancora in fuga: è questo il bilancio (provvisorio) del blitz dei carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Brescia, intervenuti nella tarda serata di lunedì (intorno a mezzanotte) a seguito di segnalazione di un furto in corso nella zona di Mazzano. I militari hanno inseguito l’auto dei banditi, una Lancia Delta, e li hanno raggiunti in un garage di Ciliverghe.

La colluttazione e la fuga

Qui si è scatenata, inevitabile, la colluttazione: tra spintoni e colpi proibiti, il primo malvivente è riuscito a scappare e far perdere le sue tracce. Il secondo, un 32enne di nazionalità albanese e già noto alle forze dell’ordine, è stato invece arrestato e ora trasferito in carcere, a Canton Mombello.

I due avevano appena colpito, l’ennesimo furto riuscito in pochi giorni. A Ciliverghe avevano allestito la loro base operativa, in un’abitazione di proprietà di una connazionale (la sua posizione è ora al vaglio degli inquirenti). Qui stazionavano e programmavano i furti, nelle ville del paese.

Sfondavano porte e finestre

Entravano in azione la sera, dopo aver verificato l’assenza dei proprietari. Sfondavano porte e finestre utilizzando attrezzi da muratore di ogni tipo: mazze, seghe circolari, flessibili. Puntavano alla refurtiva più “ricca”: oro e gioielli, soldi in contanti, tablet e smartphone.

Parte del bottino sarebbe già stato recuperato dai carabinieri. In queste ore sono in corso posti di blocco e controlli straordinari del territorio da parte dei militari della Compagnia di Brescia: l’obiettivo è intercettare il prima possibile il bandito in fuga, prima che riesca a lasciare la provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento