Giallo di Marcheno: dipendenti senza stipendio da due mesi

Nell'intricato quadro del giallo di Marcheno si inseriscono anche pesanti ripercussioni per il personale della fonderia

Mario Bozzoli - Foto di repertorio

MARCHENO - Come se non bastasse il fitto quadro di misteri che avvolge la scomparsa di Mario Bozzoli e la morte di Giuseppe Ghirardini, il giallo di Marcheno inizia a mostrare anche le sue ripercussioni sul personale della fonderia.

I dipendenti dell'azienda, 16 in totale, non percepiscono lo stipendio da due mesi, riporta il Giornale di Brescia; nei giorni scorsi i rappresentanti sindacali hanno incontrato il Procuratore capo Tommaso Buonanno, che avrebbe rivelato come i conti della fonderia non siano sotto sequestro, e quindi il versamento degli stipendi sarebbe solo in capo alla proprietà. 

Entro questa settimana, inoltre, potrebbero essere dissequestrati anche computer, timbri e faldoni dell'azienda, ma la fonderia stessa non sarà dissequestrata sino al termine delle indagini, e non ci sono certezze in merito alla ripresa a pieno ritmo della produzione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento