Ancora poche ore e sarebbe tornato a casa: il triste destino di Marcello

Era il suo ultimo giorno di vacanza, sarebbe dovuto tornare a casa domenica: la magistratura intanto ha dato il nullaosta alla sepoltura di Marcello Zanaglio

Foto d'archivio

Un malore fatale, conseguenza di una cosiddetta “sindrome da immersione”: così sarebbe morto Marcello Zanaglio, il 61enne di Bovezzo che sabato mattina ha perso la vita a largo del bagno 127 a Rivazzurra di Rimini. Non c'è stato nemmeno bisogno dell'autopsia: presto la salma tornerà nel Bresciano e i familiari potranno così organizzare il funerale.

Zanaglio era in vacanza in Romagna in compagnia degli amici del gruppo della terza età di Bovezzo. Nuotatore esperto, aveva detto agli altri che verso le 11 sarebbe andato a fare un tuffo, a fare una nuotata: nessuno poteva immaginare che la giornata sarebbe finita in tragedia.

A dare l'allarme circa mezz'ora più tardi è stato il bagnino in quel momento in servizio: ha allertato i soccorsi e poi si è tuffato per recuperarlo e riportarlo a riva. Ma il 61enne bresciano era già in condizioni critiche: non ha più ripreso conoscenza.

E' stato rianimato a lungo, per più di mezz'ora gli operatori sanitari hanno praticato il massaggio cardiaco: niente da fare, purtroppo. Poco più tardi di mezzogiorno il medico ne ha confermato il decesso. Zanaglio alloggiava all'Hotel Eiffel: sabato era il suo ultimo giorno di vacanza, domenica sarebbe dovuto tornare a casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento