Rifiuti tossici a cielo aperto: rischio contaminazione delle acque

Blitz delle Guardie Ecologiche Volontarie, riferite alla Polizia Provinciale, in una discarica abusiva (a cielo aperto) di Manerbio: in 2000 mq quintali e quintali di rifiuti pericolosi, anche tossici

Fonte: Corpo di Polizia Provinciale di Brescia

Allarme rifiuti nel Bresciano: individuata un'altra discarica a cielo aperto. Il blitz delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Brescia, nella zona industriale di Manerbio: un covo di bidoni abbandonati da chissà quanti anni, colmi di rifiuti probabilmente tossici che ormai sono stati inevitabilmente sversati nel terreno. In un'area di oltre 2000 metri quadrati.

Il Comune sarebbe già stato avvisato della questione: il cimitero dei rifiuti tossici si trova a metà tra due aree di proprietà diverse, due aziende che però sono da tempo direzionate verso il fallimento o la liquidazione. Insomma, quasi una terra di nessuno.

Dove qualcuno però ha lasciato decine e decine, forse centinaia di bidoni. Saranno le analisi chimiche a determinare cosa effettivamente contengono e contenevano, e cosa in questi anni è finito nel terreno. Ma il rischio concreto è quello di una contaminazione delle acque.

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Biscotto di anguilla, baguette di lumache: i migliori ristoranti bresciani per il Gambero Rosso

  • La dieta detox per tornare in forma e depurare l’organismo

  • Abbandono di rifiuti: 200.000 euro di multe in un anno, arrivano le fototrappole

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Commerciante e padre di famiglia, muore il giorno del suo compleanno

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Stroncato dalla malattia, papà di due bambine muore a soli 34 anni

  • Bimba di poco più di un mese si spegne in ospedale: "E' volata in cielo"

Torna su
BresciaToday è in caricamento