Tragedia in ospedale: neonato muore poco dopo il parto, l'ombra della polmonite

Sarà l'autopsia a fare chiarezza sulla morte del bimbo all'ospedale di Manerbio: i genitori hanno già presentato un esposto in Procura

+++ ULTIMO AGGIORNAMENTO +++
Neonato morto in ospedale a Manerbio:
"Non si tratta di legionella né di polmonite"

E' morto poco dopo essere venuto al mondo, senza nemmeno il tempo di finire tra le braccia della mamma: colto da un'improvvisa crisi respiratoria pare dovuta a un'infezione contratta durante la gestazione, una serie di complicazioni su cui ora dovrà fare luce l'autopsia, già disposta dall'ospedale. E non si esclude al momento, in attesa dei referti ufficiali, che il piccolo possa essere stato in qualche modo contagiato dalla legionella. Lo scrive Bresciaoggi.

Un altro caso che scuote la provincia, a più di 20 giorni dallo scoppio dell'epidemia di polmonite – sarebbero più di 500 i casi accertati e gli accessi in ospedale – che ancora non sembra placarsi, e di cui ancora non si conoscono le cause (anche a seguito del dietrofront di Ats, che dopo aver annunciato di aver scoperto il focolaio ha dovuto ritrattare dopo le ultime analisi).

Intanto all'ospedale di Manerbio ha perso la vita un neonato. Le cause del decesso sono ancora tutte da accertare: pare che non ci fossero mai state complicazione nel corso dei mesi di gestione. Così come durante il parto: il piccolo avrebbe cominciato a sentirsi male a pochi minuti dalla nascita. Trasferito d'urgenza nella Terapia intensiva neonatale, è morto poco dopo.

Una tragedia immensa, su cui anche i giovani genitori vogliono vederci chiaro: avrebbero già presentato un esposto in Procura. Gli ultimi aggiornamenti sull'epidemia: al 23 settembre non risultano nuovi casi di positività alla legionella. Domenica sono stati 13 i nuovi accessi al pronto soccorso, e tutti in provincia di Brescia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono otto invece le persone che sono state ricoverate, e attualmente 116 i degenti nei vari ospedali della provincia e dell'Alto Mantovano. Di questi sarebbero quattro i bambini, di età compresa tra i 6 e gli 8 anni e tutti nella Pediatria del Civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 29 marzo 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

Torna su
BresciaToday è in caricamento