Sesso a pagamento a pochi passi dalla chiesa: scoperta casa a luci rosse in pieno centro

L’attività era gestita da una donna cinese che è stata denunciata, come l’intestatario del contratto d’affitto dell’appartamento, per sfruttamento della prostituzione. Nei guai anche il proprietario

In paese la voce girava da tempo, mesi forse anni: in un appartamento del centro di Manerbio avvenivano incontri sessuali a pagamento. Proprio i ‘rumors’ e i sospetti dei vicini di casa hanno fatto scattare le indagini dei Carabinieri che si sono concluse nei giorni scorsi, con un blitz nell’abitazione sospetta.

Tutto confermato: un appartamento di una palazzina di viale Piave - a pochi metri da una chiesa - era stato trasformato in una casa a luci rosse, gestita da una donna cinese. Durante i servizi di osservazione e controllo, i militari hanno pure identificato alcuni clienti: fermati dopo aver consumato rapporti sessuali a pagamento, hanno spiegato come funzionava il sistema. Proprio i lori racconti hanno permesso di appurare che nell’appartamento vivevano due donne cinesi: la più anziana si occupava di organizzare gli incontri e incassava poi i soldi, mentre i rapporti avvenivano la più giovane delle due.

Il blitz

Dopo aver raccolto informazioni e testimonianze, i militari sono intervenuti, facendo irruzione nell’appartamento: all’interno hanno trovato le due donne cinesi - entrambe clandestine - numerosi preservativi e 315 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita. Nei guai, oltre alle due donne, sono finiti anche l’intestatario del contratto d’affitto della casa - un cittadino cinese residente a Milano, imprenditore nel settore dei servizi per gli istituti di bellezza - e il proprietario dell'abitazione, che è sotto sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei guai anche il proprietario di casa

Il primo deve rispondere, come la maîtresse della casa a luci rosse, di sfruttamento della prostituzione; il secondo di favoreggiamento della prostituzione e dell’immigrazione clandestina. Le due cinesi sono state inoltre denunciate, in stato di libertà, per permanenza ed ingresso illegale sul territorio nazionale e messe disposizione della questura di Brescia che ne ha disposto il trattenimento presso il centro di identificazione ed espulsione di Roma, dove sono state accompagnate.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento