Sesso a pagamento a pochi passi dalla chiesa: scoperta casa a luci rosse in pieno centro

L’attività era gestita da una donna cinese che è stata denunciata, come l’intestatario del contratto d’affitto dell’appartamento, per sfruttamento della prostituzione. Nei guai anche il proprietario

In paese la voce girava da tempo, mesi forse anni: in un appartamento del centro di Manerbio avvenivano incontri sessuali a pagamento. Proprio i ‘rumors’ e i sospetti dei vicini di casa hanno fatto scattare le indagini dei Carabinieri che si sono concluse nei giorni scorsi, con un blitz nell’abitazione sospetta.

Tutto confermato: un appartamento di una palazzina di viale Piave - a pochi metri da una chiesa - era stato trasformato in una casa a luci rosse, gestita da una donna cinese. Durante i servizi di osservazione e controllo, i militari hanno pure identificato alcuni clienti: fermati dopo aver consumato rapporti sessuali a pagamento, hanno spiegato come funzionava il sistema. Proprio i lori racconti hanno permesso di appurare che nell’appartamento vivevano due donne cinesi: la più anziana si occupava di organizzare gli incontri e incassava poi i soldi, mentre i rapporti avvenivano la più giovane delle due.

Il blitz

Dopo aver raccolto informazioni e testimonianze, i militari sono intervenuti, facendo irruzione nell’appartamento: all’interno hanno trovato le due donne cinesi - entrambe clandestine - numerosi preservativi e 315 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita. Nei guai, oltre alle due donne, sono finiti anche l’intestatario del contratto d’affitto della casa - un cittadino cinese residente a Milano, imprenditore nel settore dei servizi per gli istituti di bellezza - e il proprietario dell'abitazione, che è sotto sequestro.

Nei guai anche il proprietario di casa

Il primo deve rispondere, come la maîtresse della casa a luci rosse, di sfruttamento della prostituzione; il secondo di favoreggiamento della prostituzione e dell’immigrazione clandestina. Le due cinesi sono state inoltre denunciate, in stato di libertà, per permanenza ed ingresso illegale sul territorio nazionale e messe disposizione della questura di Brescia che ne ha disposto il trattenimento presso il centro di identificazione ed espulsione di Roma, dove sono state accompagnate.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento