Blocca un’ambulanza con un ferito a bordo, poi scatena il caos al pronto soccorso

Per riportare l’uomo, un 40enne, alla calma sono dovuti intervenire i carabinieri. Nei suoi confronti è scattata una denuncia

Foto d'archivio

Ferito ad un braccio, ha fermato un’ambulanza in corsa. Pretendeva di essere immediatamente caricato a bordo dell’autolettiga, all’interno della quale c’era già un altro paziente, e portato in ospedale. Per i sanitari in servizio non è stato semplice spiegargli che, dato che le sue condizioni non erano gravi, avrebbe dovuto attendere l’arrivo di un altro mezzo di soccorso, peraltro già allertato.

È successo a Manerbio, nei giorni scorsi: protagonista dell’episodio un 40enne di etnia Sinti con alle spalle numerosi precedenti. L’uomo, una volta arrivato al pronto soccorso, ha letteralmente seminato il caos: avrebbe iniziato a insultare il personale medico, accusando chi lo stava curando di razzismo e incompetenza, anche mentre veniva medicato.

Per evitare che la situazione degenerasse ulteriormente, il personale del pronto soccorso dell’ospedale di Manerbio ha chiesto aiuto ai carabinieri. Solo dopo l’intervento dei militari il 40enne di sarebbe calmato. Identificato, è poi stato denunciato per interruzione di pubblico servizio, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • "Nella mia Brescia tragedia di proporzioni devastanti: i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 4 aprile 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 3 aprile 2020

Torna su
BresciaToday è in caricamento