Baby vandali scatenati: la disco è chiusa, passano la serata devastando un campeggio

Non ancora maggiorenni, eppure già finiti nel mirino dei carabinieri per atti di vandalismo e pure per aver rubato sei biciclette.

Una roulotte (Foto d'archivio)

Partiti con l'idea di scatenarsi sul dance floor, hanno cambiato piani dopo aver trovato abbassata la serranda della disco, devastando le roulotte di un campeggio. Scoperti, hanno pure rubato sei biciclette per fuggire. Per loro non è finita bene: la serata si è conclusa in caserma, dove li hanno poi raggiunti i genitori.

Guai seri per sei giovanissimi - solo uno è maggiorenne - della Val Trompia in trasferta a Manerba sul Garda: nei lori confronti è infatti scattata una denuncia. Tutto è accaduto domenica: i ragazzini, trovando chiuso il locale dove volevano trascorrere la serata, si sono spostati in un campeggio poco distante. Dopo aver fatto irruzione nella struttura turistica, hanno preso di mira le roulotte. Oltre a mettere a soqquadro le case mobili hanno fatto un gran baccano, tanto che la proprietaria del camping si è svegliata di soprassalto.

La donna ha immediatamente chiamato i Carabinieri. Nel frattempo i giovanissimi vandali hanno arraffato sei biciclette trovate nel campeggio per fuggire prima dell'arrivo dei militari. La fuga non ha avuto successo: i sei ragazzini sono stati rintracciati, e fermati, mentre pedalavano in direzione della sazione Ferroviaria di Desenzano. Accompagnati in caserma, hanno ammesso le loro responsabilità e sono poi stati affidati ai rispettivi genitori. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di mamma Mara, uccisa a bastonate: aveva una bimba di 5 anni

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento