Incinta e con una bimba di 10 anni, rischio sfratto a Manerba

Ennesimo picchetto antisfratto in terra bresciana: a Manerba del Garda attivisti in campo per difendere una giovane famiglia, un operaio senza lavoro con moglie incinta e figlia di 10 anni. Sfratto rinviato a seguito di una mediazione

Un altro picchetto antisfratto nella mattinata di martedì, in scena in Via Manzoni a Manerba del Garda. A rischio sfratto una famiglia di tre persone: un operaio che ha perso il lavoro, la moglie incinta e la figlia, una ragazzina di 10 anni.

In campo gli attivisti dell’associazione Diritti per Tutti, in collaborazione con il Collettivo Gardesano Autonomo. La proprietà dello stabile reclama un affitto arretrato, da circa un anno e mezzo, gli inquilini invece chiedono ancora tempo, e magari un intervento da parte del Comune.

Nessun momento di tensione, per fortuna. Si è arrivati ad una mediazione tra proprietari e occupanti, anche a seguito del decisivo intervento del maresciallo Marco Fainelli, comandante della locale stazione dei Carabinieri.

Lo sfratto è stato rinviato a metà ottobre: prima di allora un tavolo di confronto in prefettura, in cui si cercheranno “soluzioni condivise”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento