Mandolossa, viaggio nel degrado: "Buttano la spazzatura dal balcone"

La zona, di competenza di tre comuni, Brescia, Gussago, Roncadelle, sta scivolando lentamente verso l'abbandono e il degrado. I residenti: "In questo quartiere è stratosferico. Non si può più uscire di casa"

Copyright © Bresciatoday.it

Preservativi usati, urina sulle serrande, bottiglie di plastica e lattine sparse sul marciapiede, sacchi pieni di spazzatura. Sono i “ricordini” che ogni mattina, poco dopo il risveglio, trovano i commercianti della zona della Mandolossa fuori dai propri negozi. L'arteria che porta a fuori città, divisa tra i comuni di Brescia Gussago e Roncadelle, sta lentamente scivolando verso l'abbandono e il degrado.

Che la zona avesse parecchi problemi, come quello della prostituzione (qui fenomeno diurno e notturno) non è una novità, ma a tale piaga si sono sommate altre problematiche. La difficile convivenza con diverse etnie e culture è in cima alla lista, come l'inciviltà che non ha né nazionalità né colore.


Alla forneria Fanelli, all'ora di pranzo, si ritrovano i residenti della frazione e gli impiegati delle ditte della zona, ognuno di loro sull'argomento ha qualcosa da dire: “Il degrado in questo quartiere è stratosferico - racconta il titolare -. Di sera non si può uscire, tra gli spacciatori di droga e le prostitute è impossibile fare una passeggiata". Ma il signor Fanelli è un uomo di fatti più che di parole e preferisce farci fare il tour della zona.

La prima tappa è il cortile interno sul quale si affaccia la panetteria e uno stabile in avanzato stato di degrado, abitato da parecchie famiglie straniere in evidente stato di indigenza. “Guarda che roba - esclama -. Buttano persino la spazzatura dal balcone. In un angolo del cortile di notte si  cambia e lavora una prostituta nigeriana". Poi ci spostiamo a passo spedito e nell'angolo trova i resti della nottata: lattine e bicchieri.

La seconda tappa è il ponte sul torrente Gandovere. Nel corso d'acqua galleggiano sacchi della spazzatura: “A Roncadelle - continua - c'è la raccolta porta a porta e l'obbligo di differenziare, ma credo che noi siamo gli unici a rispettare le normative comunali. Ieri, dopo decine di chiamate sono venuti alcuni operatori del Comune di Roncadelle e hanno soffiato via lo sporco, quantomeno, dal mio piazzale e portato via un po' d'immondizia. Ma per ripulire il Gandovere hanno detto che è necessario chiamare la Protezione Civile". Ma non è solo l'immondizia a inquinare il corso d'acqua: "Gli scarichi di alcune case finiscono nel fiume e d'estate non si può respirare dalla puzza che c'è”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'altro lato della strada, facente parte del territorio di Gussago, la situazione non è migliore. Un netturbino del Comune franciacortino racconta che, nonostante sia in vigore il porta a porta, ogni giorno riempie il camion con rifiuti trovati in ogni dove. In aggiunta, da alcuni mesi non funzionano i lampioni della rotonda vicino alla Sp 11, sul lato del Comune di Roncadelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento