Pensione abusiva per cani in aperta campagna: trovati 37 animali, 5 erano malati

Il capannone è stato sequestrato e il titolare della struttura denunciato

Una pensione abusiva per cani è stata scoperta dai Carabinieri di Verolanuova e dalle guardie ecozoofile di Brescia in località Pievedizio di Mairano. Il blitz è scattato nel pomeriggio di venerdì, dopo numerose segnalazioni giunte ai militari: all'interno di un capannone, situato in aperta campagna, sono stati trovati 37 cani. Gli animali erano rinchiusi in box di media grandezza: 5 di loro erano affetti da alcune patologie e necessitavano di urgenti cure mediche. 

A gestire la struttura era un 40enne bresciano, che è stato denunciato per maltrattamento di animali. L'uomo - di fatto - si occupava di tenere i cani in custodia mentre i padroni erano in vacanza o assenti per altri motivi: un'attività del tutto abusiva, la cui esistenza non era mai stata denunciata alle autorità competenti.

Il capannone è stato sequestrato, mentre i cani sono stati nutriti, curati e trasferiti al canile di Brescia in attesa di tornare tra le braccia dei loro padroni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Dona 6,6 milioni di euro: il gesto d'amore per il nuovo polo oncologico

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

Torna su
BresciaToday è in caricamento