Dopo anni di rapine, traditi dall’ultimo colpo in Posta: arrestati due bresciani

Nella rete dei carabinieri tre professionisti della rapina, due bresciani e un bergamasco. A maggio avevano colpito alle Poste di Maclodio

Foto d'archivio

Un mese e mezzo di indagini serrate, poi finalmente l'arresto: in manette ci sono finiti tre professionisti della malavita, due bresciani e un bergamasco di 48, 52 e 61 anni. In pista da parecchio tempo, pluripregiudicati e già noti alle forze dell'ordine appunto per furti, rapine ma anche spaccio.

Sono stati beccati dal Nucleo Investigativo dei carabinieri di Brescia, al termine di una lunga sessione di indagini fatta di analisi delle tracce, delle registrazioni video, dei loro precedenti e pure dell'automobile utilizzata per la loro ultima rapina, una Fiat 500 poi trovata abbandonata in campagna.

L'ultimo colpo messo a segno (e riuscito) risale al 5 maggio scorso, quando i tre banditi (due in azione, il terzo a fare il palo con la macchina accesa) presero d'assalto l'ufficio postale di Maclodio, armati di taglierino. Riuscirono a fuggire con circa 1000 euro in contanti.

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Biscotto di anguilla, baguette di lumache: i migliori ristoranti bresciani per il Gambero Rosso

  • La dieta detox per tornare in forma e depurare l’organismo

  • Abbandono di rifiuti: 200.000 euro di multe in un anno, arrivano le fototrappole

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Commerciante e padre di famiglia, muore il giorno del suo compleanno

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Sfonda il parabrezza, sbalzato sull'asfalto per diversi metri: muore a soli 26 anni

  • Stroncato dalla malattia, papà di due bambine muore a soli 34 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento