Ex preside e uomo di cultura, morto a 78 anni il professor Lucio Rapetti

Stroncato dalla malattia con cui combatteva da tempo: si è spento a 78 anni il professor Lucio Rapetti, ex preside a Rovato, Orzinuovi e Chiari

Foto di repertorio

Volto più che noto della cultura bresciana, si è spento a 78 anni il professor Lucio Rapetti: da tempo lottava con una terribile malattia, che nelle ultime settimane si è aggravata. E' morto nella sua abitazione, al civico 6 di Viale Bonatelli a Chiari, nell'abbraccio dei familiari tra cui l'amata moglie Rosangela. I funerali saranno celebrati lunedì pomeriggio, alle 14.30 nella chiesa parrocchiale dei santi Faustino e Giovita.

Una vita per la scuola: Rapetti è stato un dirigente scolastico mai dimenticato. Negli anni si ricordano le sue esperienze come preside al liceo scientifico di Rovato, al liceo di Orzinuovi, all'istituto tecnico commerciale (Itc) di Chiari. 

Scuola e cultura, una vita intera

Classe 1940, nato e cresciuto a Chiari, Rapetti si era laureato in Lettere classiche alla Cattolica di Milano. Per qualche anno ha fatto anche l'insegnante. Grande amante della cultura, che cercava di diffondere in tutti i modi: per questo ha sempre collaborato con biblioteche, enti e fondazioni di settore.

Tra i tanti sicuramente la Fondazione Morcelli-Repossi, o la Fondazione Civiltà Bresciana. Lascia un ricordo indelebile nel cuore dei tanti che l'hanno conosciuto. In molti ricordano il suo impegno, senza mai chiedere niente in cambio, anche nell'organizzare eventi e iniziative. Sempre a disposizione della propria comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento