Uccisa da un malore improvviso: tutto il paese piange Lorena, volontaria e allenatrice

Morta a soli 59 anni a causa di un malore: saranno celebrati giovedì pomeriggio nella parrocchiale di Paderno i funerali di Lorena Calabria

Stroncata da un malore improvviso mentre stava lavorando in azienda: se n'è andata così Lorena Calabria, morta martedì mattina in Via Roma a soli 59 anni. A nulla sono serviti, purtroppo, i disperati tentativi di rianimarla: sul posto si sono precipitati i soccorsi di ambulanza e automedica, in codice rosso. Niente da fare. I rilievi sono stati affidati ai carabinieri: dai primi accertamenti è stato confermato il decesso per cause naturali.

Abitava a Paderno Franciacorta, il paese dove viveva da sempre: in tanti la conoscevano per il suo carattere solare e il sorriso contagioso. Impegnata nel sociale e nel volontariato, collaborava con le scuole del paese, si dedicava insieme ad altri volontari alla raccolta dei rifiuti abbandonati, per strada e nelle aree verdi.

Una vita per la pallavolo

Ma è nello sport che Lorena ha lasciato un segno indelebile. Dopo una breve carriera, da giovanissima, per più di 30 anni ha dedicato anima e corpo all'insegnamento della pallavolo, di cui era allenatrice nota e apprezzata. Tantissime le ragazze che si sono allenate con lei.

Sono attesi in tanti ai funerali, programmati per giovedì pomeriggio (alle 14.30) nella chiesa parrocchiale di Paderno. Il corteo funebre partirà dalla sua abitazione. Anche il sindaco Silvia Gares e tutta l'amministrazione comunale si uniscono al cordoglio dei familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Il dramma di mamma Mara, uccisa a bastonate: aveva una bimba di 5 anni

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento