Ubriaco, non si ferma al posto di blocco: arrestato dopo 25 km di fuga

Dopo un inseguimento a folle velocità nella notte, i militari hanno fermato un'auto sulla quale viaggiavano due 23enne ubriachi.

I carabinieri temevano si trattasse di un pluripregiudicato, di un criminale, di un corriere della droga, di un ladro colto con la merce rubata. Invece non era nulla di tutto ciò, si trattava di un ubriaco al volante che non voleva farsi ritirare la patente. Il fatto risale alla notte di giovedì. 

Il posto di blocco era allestito lungo la Statale 567, nei pressi della Cameo, tra Lonato del Garda e Desenzano. Alla vista della paletta alzata da un carabiniere, un giovane - che viaggiava in auto con un coetaneo 23enne, entrambe residenti in un paese dell'hinterland cittadino - anziché fermarsi ha accelerato tentando la fuga. 

Dirigendosi verso Lonato, l'auto è uscita dalla Statale allo svincolo per Calcinato, proseguendo poi verso Ponte San Marco. La fuga, a folle velocità, con le sirene spiegate, si è interrotta solo dopo 25 chilometri, allo scoppio di una gomma per l'auto dei due giovani. Il conducente è stato arrestato e processato in direttissima: la condanna è stata di sei mesi di reclusione, con pena sospesa. Sarebbe stato meglio un normale ritiro della patente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento