Drogava e masturbava i compagni di classe della figlia: bresciano a processo

È cominciato il processo a carico del 47enne di Lograto accusato di maltrattamenti sulla figlia minorenne e violenza sessuale sui compagni della ragazzina. Le vittime hanno raccontato in aula gli abusi subiti

Foto d'archivio

Si sono seduti in aula di tribunale per raccontare, un'altra volta, i tanti pomeriggi da incubo vissuti a casa di una loro compagna di classe. Prima sarebbero stati offerti loro hashish e alcolici in gran quantità, poi, una volta storditi, sarebbero stati portati in camera da letto, dove il padre della ragazzina li avrebbe toccati nelle parti intime.

Questa la ricostruzione delle vittime, tutte minorenni e di età compresa tra i 14 e 15 anni, di quanto sarebbe accaduto all'interno dell'abitazione di un 47enne di Lograto (S.M. le iniziali), che viveva solo con la figlia minorenne, affidatagli dal Tribunale dopo la separazione con la moglie.

Un racconto che confermerebbe in pieno quanto già ricostruito dai Carabinieri di Trenzano durante le indagini, concluse lo scorso autunno. L'uomo, attualmente agli arresti domiciliari, avrebbe consumato stupefacenti (cocaina e hashish) e alcolici, offrendoli insistentemente anche ai giovani, i quali, dopo le prime resistenze, avrebbero accettato sempre più di buon grado.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale: un morto, un ferito grave e 8 chilometri di coda

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Pontevico, apre nuovo supermercato ALDI: tutte le informazioni

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

  • Si schianta in moto, ragazzo finisce sotto un camion: è gravissimo

Torna su
BresciaToday è in caricamento