Operaio morto con la testa schiacciata: aperta indagine per omicidio colposo

Lal Manohar aveva 51 anni: lascia moglie e tre figli. Nelle prossime ore la salma verrà sottoposta ad autopsia. La Procura indaga per omicidio colposo

Foto d'archivio

Ci sono ancora tanti interrogativi sulla morte di Lal Manohar, l'operaio agricolo di 51 anni che ha perso la vita sabato pomeriggio, in una delle stalle dell'azienda agricola La Valbona di Castenedolo. Nel Bresciano è la prima vittima dell'anno, per infortuni sul lavoro: Manohar è rimasto con la testa schiacciata nella porta automatica che separa la stalla vera e propria dall'area dedicata alla mungitura.

La cronaca di una tragedia

Sabato pomeriggio l'operaio avrebbe dovuto mungere le mucche, un'operazione fatta e rifatta tante volte nella vita: Manohar vive da 6 anni in Italia, e ha già lavorato per varie aziende agricole. Era stato assunto a Castenedolo da un paio di mesi. Ma qualcosa è andato storto: la porta si è improvvisamente chiusa, proprio mentre il 51enne la stava attraversando.

Il peso della porta automatica gli ha schiacciato la testa e il cranio: Manohar sarebbe morto sul colpo. L'area è stata posta sotto sequestro, come da prassi: la magistratura ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo. Le indagini sono state affidate ai carabinieri: sul posto anche i tecnici del Servizio di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro dell'Ats di Brescia.

Nelle prossime ore è attesa l'autopsia

Nelle prossime ore è attesa anche l'autopsia sul corpo dell'operaio morto. L'esame autoptico servirà a comprendere come Manohar sia effettivamente morto. Al vaglio degli inquirenti, per ora, ci sono tutte le ipotesi: anche quella di un malore improvviso. Ciò non toglie che quella porta non si sarebbe dovuta chiudere. Quindi sono in corso accertamenti anche su eventuali malfunzionamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Manohar abitava insieme al cognato, non lontano dall'azienda agricola di Castenedolo dove entrambi lavoravano. Come detto, era in Italia da almeno 6 anni: come tanti altri, aveva raggiunto il nostro Paese in cerca di fortuna, e di una vita migliore. A migliaia di chilometri di distanza, nella speranza un giorno di poterlo rivedere, l'aspettavano la moglie e tre figli piccoli: sono già stati informati dell'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

Torna su
BresciaToday è in caricamento