Lago di Garda: sui fondali di Moniga ritrovato il relitto della nave Roma

Era il febbraio del 1938 quando il veliero ‘Roma’ affondò a largo di Moniga, mentre trasportava 25 tonnellate di cemento da Desenzano a Riva: il relitto è stato ritrovato dai Volontari del Garda

A quasi 70 anni dal naufragio riemergono dai fondali del lago di Garda i resti della nave Roma, il veliero che salpò nel febbraio del 1938 e venne poi affondato da un’improvvisa e violenta tempesta, che fece colare a picco l’imbarcazione e il suo carico.

La nave, partita da Desenzano per raggiungere Riva del Garda, trasportava più di 25 tonnellate di cemento: venne sorpresa dalla burrasca di un inverno particolarmente freddo, venne trascinata a fondo. A largo di Moniga, dove in questi giorni è stato ritrovato il relitto, rischiarono la vita Giovanni Cattoni e Bortolo Cretti, gli unici a bordo.

Travolti dalla tempesta caddero in acqua, ma vennero salvati da un coraggioso contadino, di soli 27 anni, tale Enrico Magni che li vide e dalla spiaggia si tuffò, per portarli a riva sani e salvi. Il ritrovamento del relitto riapre le pagine della storia: anche stavolta, ci hanno pensato i Volontari del Garda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento