Pesci 'inquinati', anguilla vietata per il quinto anno consecutivo

Ci si attende la reazione 'rovente' dei pescatori bresciani: per il quinto anno consecutivo le anguille non possono essere pescate sul lago di Garda. Lo ha decretato il ministro Lorenzin

Anguille vietate, e per il quinto anno consecutivo. Lo ha sancito il ministro della Salute Beatrice Lorenzin con un decreto già pubblicato sulla Gazzetta ufficiale: le anguille del lago di Garda non possono essere pescate e vendute perché ancora considerate 'inquinate'. 

Inquinate perché porterebbero con sé quantitativi pericolosi di diossine e Pcb: l'anguilla è un pesce da fondale, e che vive parecchi anni, sarebbe dunque in grado di accumulare nel tempo diverse quantità di tossine dannose per la salute umana. 

Ci si aspetta la reazione 'rovente' dei pescatori bresciani e non, che dal 2011 ad oggi non possono ancora pescare l'anguilla, pesce che forse non incide pesantemente sulla quantità del pescato ma che comunque rappresenta un 'must' dei pesci gardesani.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento