Una vita per lo sport e l'azienda, Rudiano piange Italo Guerciotti

Asso della bicicletta e fondatore dell'omonima azienda di ciclismo, si è spento mercoledì: aveva 85 anni. Centinaia di persone di sono radunate nella chiesa parrocchiale di Rudiano per l'ultimo saluto

Italo Guerciotti

Una vita per la bicicletta: prima a pigiare sui pedali, poi a inventare e produrre modelli sempre più competitivi e innovativi. Il mondo del ciclismo bresciano, e non solo, piange la scomparsa di Italo Guerciotti: storico e prolifico corridore, nonchè fondatore dell'omonima azienda che produce bici da corsa.

L'ex asso del ciclocross si è spento mercoledì, all'età di 85 anni. Nato a Milano negli anni '30, si era trasferito nel Bresciano alla fine degli anni '80: prima del recente trasloco a Rudiano aveva vissuto per una ventina d'anni a Coccaglio. 

Una carriera brillante sia dal punto di vista sportivo, che imprenditoriale: prima nel ciclocross, poi nelle corse su strada aveva infilato parecchi successi di prestigio, vestendo i colori di tante squadre. Tra i traguardi raggiunti  spicca il tredicesimo posto conquistato ai Mondiali di ciclocross disputati in Belgio nel febbraio del 1957. Nel 1964, insieme al fratello Paolo, fondò l'azienda milanese di biciclette ormai famosa in tutto il mondo.

Oltre al fratello lascia le figlie Rossella e Manuela e gli adorati nipoti e pronipoti. Centinaia di persone hanno gremito la chiesa parrocchiale di Rudiano, dove nella mattinata di sabato si sono svolti i funerali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Musicista bresciano accoltellato fuori da un locale

  • Si schianta in moto, ragazzo finisce sotto un camion: è gravissimo

  • Corpo riverso sul tavolino, ragazzo bresciano trovato morto in casa

  • La fame di supermercati non si placa: nuovo punto vendita in arrivo

  • In pensione da poco, notaio va in vacanza e si schianta: morto sul colpo

  • Ucciso dal cancro a soli 34 anni: il dolore della moglie e dei due figlioletti

Torna su
BresciaToday è in caricamento