Iseo: per non tagliare i servizi sociali la Giunta rinuncia allo stipendio

Grande gesto di solidarietà per la Giunta guidata dal sindaco Riccardo Venchiarutti

In un momento di crisi economica come quello che stiamo attraversando, la politica locale può fare ben poco, se non promuovere gesti di solidarietà che possano essere esemplari per l'intera comunità.

E' quello che sta succedendo sul Sebino dove, nel comune di Iseo, dovendo scegliere se tagliare i servizi sociali o tagliare le proprie indennità, la Giunta non ha avuto alcun dubbio.

Dallo scorso primo maggio, infatti, ha deciso di rinunciare agli stipendi (400 euro mensili il sindaco, 150 gli assessori), facendo risparmiare alla collettività 35.000 euro annui, che verranno depositati in un apposito fondo per il sostegno di cittadini e famiglie in difficoltà.

Lo sbarco dei detenuti sul Lago di Iseo:
«Liberi a Montisola»

Poca cosa, come detto una misura più simbolica che risolutiva: "E' stata una decisione necessaria - spiega il primo cittadino Riccardo Venchiarutti - l'unica per poter mantenere a un livello umano i servizi sociali del nostro comune".

"Con la moria attuale di risorse - continua -, i tagli dei finanziamenti provenienti da Stato e Regione, non c'era altra scelta. Ora speriamo che anche la comunità civile, associazioni e gruppi di volontariato, si unisca a noi per cercare di limitare il più possibile le conseguenze nefaste di questa crisi."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

Torna su
BresciaToday è in caricamento