Folle inseguimento per le vie del centro: arrestato bandito in fuga

In manette un algerino già condannato a 2 anni e 7 mesi di reclusione: è stato visto mentre armeggiava a fianco di una Volvo rubata a Milano

Rocambolesco inseguimento per le vie del centro cittadino: gli agenti della Polizia Locale di Brescia sono riusciti ad arrestare un uomo in fuga che al momento dell'identificazione ha dato false generalità, e dai successivi accertamenti è risultato essere un latitante già condannato a 2 anni e 7 mesi di carcere. E' stato visto nella zona di Via Ugoni mentre trafficava di fianco a una Volvo – a bordo è stato trovato un coltello da oltre 30 centimetri: è scappato a piedi (avanti e indietro) per centinaia e centinaia di metri, finché non è stato arrestato nella zona di Via dei Mille, non lontano dai Giardini Falcone.

Tutto è successo martedì pomeriggio intorno alle 16.30: gli agenti in perlustrazione si accorgono dei movimenti sospetti dell'uomo a prima vista di origini straniere, probabilmente nordafricano. Ma giusto il tempo di avvicinarsi e lui comincia a correre, senza mai fermarsi e senza risparmiare fiato. Una corsa disperata a piedi tra le vie e le auto, inseguito dalle moto della Polizia Locale.

Non è stato facile fermarlo: correva tra vie contromano e strade trafficate, i cespugli del parco e dei giardini privati. Tornato nella zona dei Giardini Falcone, ha scavalcato il cancello di una casa, colpendo con un calcio l'agente di Polizia che ormai l'aveva quasi raggiunto.

Il comando ha inviato sul posto rinforzi e pattuglie a supporto, che non hanno lasciato scampo al fuggitivo: si era infilato in una proprietà privata nascondendosi tra un muro e un'auto parcheggiata. Gli accertamenti hanno permesso di verificare la vasta gamma di reati di cui il fuggitivo era portatore.

Con sé aveva un falso passaporto, nel senso che apparteneva a un'altra persona di nazionalità marocchina. Lui è invece risultato essere algerino, e tra l'altro con una condanna (a Cuneo) di 2 anni e 7 mesi di carcere. Nella corsa aveva cercato di liberarsi della chiave dell'auto da cui era stato visto: si tratta di una Volvo risultata rubata a Milano. E' stato processato per direttissima, e condannato ad altri 2 anni e 2 mesi di carcere.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • tanto per cambiare tutti Giargianes adesso un altro da mantenere a casa loro non sarebbe male che Stato.....!!!!!!!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tragedia sulla Provinciale 115: auto cade nel dirupo, muore uomo di 38 anni

  • Cronaca

    Diserbante sui fiori, lapidi distrutte a martellate: misteriosi atti vandalici al cimitero

  • social

    C'è una nuova panchina gigante: la vista sul lago e su Montisola è stupenda

  • Incidenti stradali

    Violento schianto all'incrocio nella notte: tre feriti, due sono giovanissimi

I più letti della settimana

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

  • "Adesso mi ammazzo!": torna a casa ubriaco, si accoltella davanti ai genitori

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Milano, incidente in A8: morto Maykoll Calcinardi di Riva del Garda

Torna su
BresciaToday è in caricamento