Folle inseguimento per le vie del centro: arrestato bandito in fuga

In manette un algerino già condannato a 2 anni e 7 mesi di reclusione: è stato visto mentre armeggiava a fianco di una Volvo rubata a Milano

Rocambolesco inseguimento per le vie del centro cittadino: gli agenti della Polizia Locale di Brescia sono riusciti ad arrestare un uomo in fuga che al momento dell'identificazione ha dato false generalità, e dai successivi accertamenti è risultato essere un latitante già condannato a 2 anni e 7 mesi di carcere. E' stato visto nella zona di Via Ugoni mentre trafficava di fianco a una Volvo – a bordo è stato trovato un coltello da oltre 30 centimetri: è scappato a piedi (avanti e indietro) per centinaia e centinaia di metri, finché non è stato arrestato nella zona di Via dei Mille, non lontano dai Giardini Falcone.

Tutto è successo martedì pomeriggio intorno alle 16.30: gli agenti in perlustrazione si accorgono dei movimenti sospetti dell'uomo a prima vista di origini straniere, probabilmente nordafricano. Ma giusto il tempo di avvicinarsi e lui comincia a correre, senza mai fermarsi e senza risparmiare fiato. Una corsa disperata a piedi tra le vie e le auto, inseguito dalle moto della Polizia Locale.

Non è stato facile fermarlo: correva tra vie contromano e strade trafficate, i cespugli del parco e dei giardini privati. Tornato nella zona dei Giardini Falcone, ha scavalcato il cancello di una casa, colpendo con un calcio l'agente di Polizia che ormai l'aveva quasi raggiunto.

Il comando ha inviato sul posto rinforzi e pattuglie a supporto, che non hanno lasciato scampo al fuggitivo: si era infilato in una proprietà privata nascondendosi tra un muro e un'auto parcheggiata. Gli accertamenti hanno permesso di verificare la vasta gamma di reati di cui il fuggitivo era portatore.

Con sé aveva un falso passaporto, nel senso che apparteneva a un'altra persona di nazionalità marocchina. Lui è invece risultato essere algerino, e tra l'altro con una condanna (a Cuneo) di 2 anni e 7 mesi di carcere. Nella corsa aveva cercato di liberarsi della chiave dell'auto da cui era stato visto: si tratta di una Volvo risultata rubata a Milano. E' stato processato per direttissima, e condannato ad altri 2 anni e 2 mesi di carcere.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento