Folle inseguimento tra Ghedi e Montichiari: poi si schianta contro un muro

L'uomo, un 33enne albanese, si è schiantato dopo un inseguimento di venti chilometri. Aveva un tasso alcolemico due volte oltre il limite. Per lui sono scattate le manette

Un'auto distrutta (immagine repertorio)

Prima l'inseguimento in tangenziale, poi per le vie di Montichiari. Infine lo schianto contro un muro e l'arresto. È successo nel pomeriggio di sabato tra Ghedi e Montichiari. Nei guai: un cittadino albanese di 33 anni che si era messo al volante ubriaco.

Tutto è iniziato quando il conducente del mezzo non si è fermato davanti all'alt di una pattuglia della polizia locale. Il conducente ha spinto a tavoletta sull'acceleratore cercando di seminare i vigili: prima in tangenziale, commettendo diversi sorpassi pericolosi; poi sulle strade di Montichiari, con tanto di pedoni costretti a ripararsi per non essere investiti.

Tutto è terminato in via Arzaga dove il 33enne si è schiantato contro un muro. Non si è arreso: ha provato a fuggire a piedi, ma è stato bloccato e ammanettato. Deve rispondere dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza. Non è la prima volta: nel 2009 era stato arrestato con le medesime accuse. Per lui sono scattati gli arresti domiciliari, in attesa del processo. L'auto, invece, è stata posta sotto sequestro. Una cosa è certa: tornerà a guidare tra molto tempo; in un solo colpo ha perso 78 punti della patente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescava quintali di cocaina dall'oceano, poi li portava a Brescia per lo spaccio

  • Brutta sorpresa dopo lo shopping: auto sparite fuori dal centro commerciale

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

  • Incidente stradale in scooter, morta la 39enne Rachele Marino

Torna su
BresciaToday è in caricamento