Muore travolto da un tir: sulla stessa strada aveva perso la vita anche la moglie

Anche la moglie Mina, 21 anni fa, era morta in bicicletta (e sulla stessa strada): Vincenzo Castelli si è spento in ospedale a Bergamo

Foto d'archivio

Travolto da un'autocisterna mentre era in sella alla sua bicicletta, muore in ospedale dopo tre settimane di agonia. Questo il triste destino di Vincenzo Castelli, pensionato 80enne di Cologno al Serio che il 13 luglio scorso, sull'ex Statale 591, era stato investito e travolto dal camion, a poche centinaia di metri da casa.

Una botta tremenda: scaraventato sull'asfalto e pure in parte schiacciato dal peso dell'autocisterna. Miracolosamente sopravvissuto, era stato trasferito d'urgenza all'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, dove è rimasto in Terapia intensiva fino a un paio di giorni fa, quando il suo cuore si è fermato. Per sempre.

Una tragica coincidenza: anche la moglie Mina, esattamente 21 anni fa, era stata investita e uccisa in bicicletta. Travolta da un'auto mentre cercava di recuperare il suo cane, che le era da poco sfuggito. Anche quella volta non lontano da casa, da Via Puccini. La salma di Castelli riposa all'obitorio: a breve saranno comunicate le date dei funerali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

Torna su
BresciaToday è in caricamento