Schianto in scooter insieme al papà, ragazzino in gravi condizioni

E' stato ricoverato in codice rosso, in elicottero, il ragazzino di 14 anni vittima insieme al papà dell'incidente stradale di giovedì pomeriggio a Polpenazze

Sono gravi le condizioni del ragazzino di 14 anni vittima insieme al papà del violentissimo schianto di giovedì pomeriggio a Polpenazze, in Via Borrine, in curva, proprio di fronte alla Gardaplast. Erano in sella a uno scooterone Kymco, diretti verso il paese, quando all'altezza della curva si sono trovati di fronte una Mercedes classe C station wagon, e l'hanno centrata in pieno.

Sbalzati sull'asfalto: ragazzo privo di sensi

Sono stati sbalzati entrambi sull'asfalto: ferito ma sempre cosciente il padre, ricoverato in codice giallo alla Poliambulanza di Brescia, ben più gravi le condizioni del figlio 14enne, rimasto a terra privo di sensi. E' stato soccorso sul posto, e poi trasferito in codice rosso all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo, arrivato in ospedale con l'elicottero decollato da Verona.

Illeso il conducente del Mercedes, un 60enne che abita in zona: agli agenti della Polizia Stradale di Salò, intervenuti per i rilievi, ha raccontato di aver svoltato a sinistra, in uscita dallo stop, dopo aver aspettato un'auto che invece stava svoltando a destra, e dunque di non aver visto arrivare lo scooterone.

I mezzi sequestrati dalla Polstrada

Come da prassi è stato sottoposto ad alcol test, ma è risultato negativo. Entrambi i mezzi sono stati sequestrati. Sul posto anche due ambulanze, dell'Anc di Roè Volciano e di Valtenesi Soccorso, e l'automedica: il tratto stradale è rimasto chiuso a lungo, e la viabilità affidata agli agenti della Polizia locale della Valtenesi.

Padre e figlio stavano andando a giocare a tennis, così almeno riferiscono alcuni testimoni. Sulla dinamica, comunque, ci sarà ancora da fare chiarezza. Di certo una mancata precedenza, e poi le ipotesi di un sorpasso azzardato, e della velocità sostenuta. 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento