Malore mentre guida, con la jeep travolge due auto: tre feriti in ospedale

L'incidente martedì pomeriggio a Roè Volciano, sulla Sp4: quattro persone coinvolte, tre i feriti in ospedale. A provocare il doppio schianto probabilmente un malore alla guida

Brutto incidente martedì pomeriggio a Roè Volciano, al confine con Vobarno, probabilmente causato da un improvviso malore: un ragazzo di 28 anni, residente a Salò, a bordo di una Mitsubishi Pajero, ha perso il controllo della sua jeep e ha travolto altre due automobili. In tutto sono quattro le persone coinvolte, tre di queste in ospedale.

Per fortuna niente di grave: tutti ricoverati a Gavardo ma in codice giallo. Lo schianto poco prima delle 15.15, in Via Guglielmo Marconi sulla Sp4: il Pajero ha sbandato, come detto forse a causa di un malore, e ha prima “grattato” la fiancata di una Renault Clio (a bordo un ragazzo di Vobarno, illeso) e poi centrato in pieno una Renault Modus.

Un impatto violentissimo: nello scontro frontale la piccola utilitaria è stata sbalzata all'indietro per oltre una decina di metri. A bordo c'erano due donne: una 51enne di San Felice in compagnia della madre, di 80 anni. Sono state entrambe ricoverate in ospedale.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Pannelli fotovoltaici a Brescia: come funzionano e quali sono i vantaggi

  • Alla scoperta del Sentiero delle Grotte, gioiello nascosto del Lago d'Iseo

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

  • Esce dalla villa per andare in edicola, imprenditore travolto e ucciso da una moto

  • Bambina bresciana sparisce in spiaggia, incubo per mamma e papà

  • Lui è in gravi condizioni, rischia di morire: marito e moglie sposi in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento