Il tragico destino di Annina e Mauro, travolti e uccisi da una moto

Il conducente della due ruote, un 47enne residente in città, è stato arrestato con l'accusa di omicidio stradale: avrebbe assunto alcol e stupefacenti prima di mettersi alla guida

Foto d'archivio

Lui è morto sul colpo, lei poco dopo il ricovero in ospedale. Lo stesso crudele destino ha spezzato le vite di Annina Breggia e Mauro Rossi: madre e figlio sono stati travolti da una moto che viaggiava a folle velocità. Colpiti in pieno mentre stavano attraversando via Lamarmora sulle strisce pedonali, attorno alle 18 di mercoledì pomeriggio.

Immediati i soccorsi: sul posto si sono precipitata tre ambulanze. Per il 65enne non c'è stato più nulla da fare: i disperati tentativi di rianimarlo sono stati tutti inutili. L'anziana madre è invece stata trasportata d'urgenza alla Poliambulanza, dov'è spirata poco dopo il ricovero: troppo gravi le ferite riportate nel drammatico incidente.

Una scena da brividi, che ha scioccato i testimoni e i residenti dell'intero quartiere, dove il 65enne e la madre 93enne abitavano da anni ed erano molto conosciuti. Stando alle prime informazioni, i due vivevano insieme, nello stesso appartamento situato in via Lamarmora, a poca distanza dal luogo della tragedia.

L'uomo in sella alla Bmw 1002 che li ha investiti è stato arrestato per omicidio stradale. Stando ai risultati dei primi test effettuati al pronto soccorso del nosocomio, dove l'uomo è stato portato in seguito all'incidente, avrebbe assunto alcol e sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida. Nell'organismo del 47enne, bresciano e residente in città, sarebbero state trovate percentuali di alcol superiori al limite fissato dalla legge e tracce di sostanze cannabinoidi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Bisogna avere il coraggio di dire certe cose chi ha assistito mi ha raccontato cosa ha visto scene incredibili pezzi di corpi sparsi ovunque. Chi ha assistito al macello e rimasto sconvolto, ha vomitato. Delinquenti del genere dovrebbero morire in carcere e buttare via la chiave.

    • Vero, anche hanno parlato di uno scenario devastante. Quel criminale che sfrecciava ad alta velocità in via Lamarmora, strada cittadina con limite a 50km/h dev'essere condannato all'ergastolo, questo é omicidio volontario!!!

  • Agli idioti che fanno le strage sulle strade, specialmente su quelle abitate, bisogna ritirare le patente a vita.

    • Sono assassini, non serve a nulla ritirare la patente a questi delinquenti strafatti di droga e alcol, perché continuano a circolare anche senza patente. Bisogna metterli in galera e buttare via la chiave.

  • Qualsiasi pena sarebbe acqua fresca per un duplice delitto di questo tipo!

  • Un paio d'anni, e sara' gia in giro con un' altra moto

    • Avatar anonimo di Fragranza
      Fragranza

      Non credo... confido molto nella giustizia. Passerà parecchio tempo in carcere. Omicidio stradale è cosa seria.

  • Alcune strade di Brescia vengono usate da balordi e non ci sono deterrenti (viale venezia, viale bornata, viale piave....). Vediamo se ora visto che i cittadini ci rimettono la vita, questa Amministrazione prende seri ed efficaci provvedimenti!!!! Sarebbe ora!

    • Perfettamente d'accordo, ci sono troppi balordi che sfrecciano per le vie della città sia con moto che con auto ad alta velocità, sono dei criminali patentati. Sono anni che discuto sull'uso degli autovelox che vengono posti sulle tangenziali e le provinciali, mentre in città dove il rischio per l'incolumità delle persone é maggiore, nessuno controlla niente! Questo a dimostrazione che gli autovelox vengono abusato dai comuni non per garantire la sicurezza ma per vessare gli automobilisti e fare cassa.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Al volante senza patente: folle fuga contromano, poi tenta di investire i carabinieri

  • Incidenti stradali

    Violento schianto all'incrocio nella notte: tre feriti, due sono giovanissimi

  • social

    C'è una nuova panchina gigante: la vista sul lago e su Montisola è stupenda

  • Cronaca

    Assalto al centro commerciale: vetrina sfondata, colpo al bar da migliaia di euro

I più letti della settimana

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

  • "Adesso mi ammazzo!": torna a casa ubriaco, si accoltella davanti ai genitori

  • Milano, incidente in A8: morto Maykoll Calcinardi di Riva del Garda

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

Torna su
BresciaToday è in caricamento