Mario e Ombretta, i nonni morti nello schianto: il paese si stringe nel dolore

Con i loro corpi hanno protetto il nipotino Gioele, sopravvissuto all'incidente: tutto il paese ricorda Mario Francio e Ombretta Furlani

Ombretta Furlani e Mario Francio

Saranno probabilmente comunicate già nelle prossime ore le date dei funerali di Mario Francio e Ombretta Furlani, i due nonni morti sul colpo sabato pomeriggio nel Mantovano, sulla Strada provinciale 17 in territorio di Redondesco, in direzione Gazoldo degli Ippoliti, a seguito del terribile schianto frontale per purtroppo non gli ha lasciato scampo. Insieme a loro anche il piccolo Gioele, il loro nipotino di appena 10 anni: le sue condizioni sono ancora gravi, ricoverato all'ospedale di Parma e tenuto sotto stretta osservazione, anche se non sarebbe più in pericolo di vita.

Un impatto terribile, e violentissimo. Per cause ancora in corso di accertamento – la ricostruzione della dinamica è stata affidata ai carabinieri – il Fiat Doblò dei coniugi Francio si è schiantato con una Volkswagen Touran che viaggiava in direzione opposta, a bordo sei persone tra cui tre bambini, tutti feriti ma nessuno in gravi condizioni. 

Un groviglio di lamiere: Mario e Ombretta morti sul colpo

Una scena raccapricciante. Le due auto ridotte a un groviglio di lamiere, il sangue e le grida dei feriti, i corpi ormai senza vita di Mario e Ombretta. Abitavano a Isorella da una vita: molto conosciuti in paese, da qualche anno si stavano godendo la meritata pensione. Ombretta aveva 74 anni: una vita da casalinga dopo aver accudito l'unico figlio Matteo e ora il nipotino Gioele. Mario invece aveva 71 anni: in pensione dopo aver lavorato come falegname, specializzato nella costruzione e nel restauro dei mobili. Era un appassionato apicoltore.

Domenica a Isorella sono stati ricordati anche durante la messa, nella chiesa parrocchiale. Le salme dei coniugi sono state ricomposte nell'obitorio del cimitero di Redondesco, a poche centinaia di metri dall'incidente, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Tutto il paese, in queste ore di tristezza, si stringe al cordoglio dei familiari.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento