Terribile schianto con la moto, Giovanni Armanni muore sul colpo

La tragedia giovedì pomeriggio ad Angone di Darfo Boario Terme: la vittima è il 51enne Giovanni Armanni, originario di Piamborno. Per lui non c'è stato niente da fare

La scena dell'incidente (fonte TBnews)

L'ennesima tragedia sulle strade bresciane: la vittima questa volta è il 51enne Giovanni Armanni, residente a Piamborno. Per lui non c'è stato niente da fare, a margine del terribile schianto di giovedì pomeriggio: morto sul colpo dopo essere stato sbalzato dalla sua moto, e caduto rovinosamente sull'asfalto. Miracolosamente illesi i due coniugi, un uomo di 57 anni e una donna di 53, che era a bordo della Fiat Panda con cui la moto si è schiantata.

La dinamica

La strada è stata riaperta solo alle 20.30, a oltre due ore dall'accaduto. La salma della vittima è a disposizione dell'autorità giudiziaria, che a quanto pare chiederà venga effettuata l'autopsia. C'è da capire il perché di quell'improvvisa sbandata, e che gli è costata la vita. Lo schianto lungo Via San Martino ad Angone di Darfo, nella zona del supermercato Md. Armanni ha centrato in pieno la Panda ed è poi volato per qualche metro sull'asfalto.

Anche l'auto è finita fuori strada: ha abbattuto alcuni pali laterali di un'area di sosta, a un passo dalla ferrovia Brescia-Edolo e a una piadineria molto frequentata. Come detto sono rimasti praticamente illesi i due coniugi: comunque intrappolati tra le lamiere, e liberati dai Vigili del Fuoco, accompagnati in ospedale per accertamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento