Terribile schianto in auto: morti due ragazzi, altri due sono gravissimi

Terribile incidente stradale mercoledì pomeriggio a Palosco, in provincia di Bergamo: a perdere la vita due giovanissimi ragazzi bresciani, di origini rumene. Altri due sono gravi in ospedale

Francesco Gheorghe e Pietro Joia

Avevano poco più di 30 anni, in due: sapendo quanto erano giovani, i contorni della tragedia si fanno ancora più chiari e netti. Nel terribile schianto hanno perso la vita due giovanissimi bresciani, entrambi di origini rumene: Pietro Joia, 14 anni di Rudiano, e Francesco Gheorghe, 17enne di Pontoglio. Altri due ragazzi rischiano la vita, gravissimi in ospedale: I.S., 18 anni e A.C., 16 anni, tutti e due residenti a Cividate al Piano.

Miracolosamente illeso il conducente: dopo lo schianto pare si sia allontanato dall'auto, sotto shock, e sia stato fermato dai carabinieri in stato confusionale. L'incidente mercoledì pomeriggio intorno alle 17, in Via Cherio a Palosco, appena dopo il confine, in provincia di Bergamo. La Ford Focus guidata da un ragazzo di 18 anni si è schiantata prima contro un albero e poi contro il muro della “casa” dell'acquedotto.

++ AGGIORNAMENTO ++
Arrestato l’amico al volante:
per lui accuse pesantissime

Tutta da capire la dinamica dell'incredibile sbandata, probabilmente ad alta velocità: lo testimoniano i segni sull'automobile, andata completamente distrutta, l'albero letteralmente sradicato, perfino i muri della cabina in cemento che sono stati abbattuti come da una bomba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento