Tragico schianto frontale, giovane donna muore dopo due giorni di agonia

Giuseppina De Filippo è spirata in un letto della Poliambulanza di Brescia

Giuseppina De Filippo

Non ce l'ha fatta Giuseppina De Filippo, la donna di 39 anni coinvolta nell'incidente di mercoledì pomeriggio sulla bretella in località Macina a Castenedolo. Originaria di Napoli, ma residente a Ghedi, Giusy (così era chiamata da tutti) è spirata dopo due giorni di agonia in un letto del reparto di rianimazione della Poliambulanza di Brescia.

Giuseppina De Filippo aveva frequentato l'istituto Mantegna di Brescia e attualmente lavorava in un'azienda di Ghedi. Non è stato facile rintracciare i genitori, c'è voluta anche una compagnia suoi social prima che potessero raggiungere la figlia al nosocomio. Purtroppo, però, le gravi ferite alla testa riportate nello schianto non le hanno lasciato scampo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento