Un'altra croce sulle strade: "Ciao Rosso, ci mancherai tantissimo"

Lunedì pomeriggio i funerali di Andrea Mensi detto il "Rosso", morto a soli 28 anni in un terribile incidente stradale. L'incidente sabato notte, sulla Sp5 che da Borno porta a Ossimo

Un'altra croce lungo le strade della Valcamonica. Si chiamava Andrea Mensi, ma tutti lo conoscevano come il “Rosso”: classe 1988, lascia mamma Franca, papà Moreno e la fidanzata Veronica. L'incidente nella notte tra sabato e domenica, sulla Sp5 che da Borno scende fino a Ossimo. Pare che la Ford Focus di Andrea abbia sbandato improvvisamente, in curva.

L'auto si è schiantata prima contro il muro, poi con il guard-rail. Un impatto violentissimo, e purtroppo fatale: all'arrivo dei soccorsi, pochi minuti più tardi, Andrea era già morto. Sarà la Polizia Stradale a cercare di far luce sull'incidente.

Erano circa le 4.30 del mattino: aveva appena salutato gli amici, stava tornando a casa. Originario di Borno, da qualche tempo abitava a Berzo Inferiore. Proprio a Berzo lavorava: faceva l'operaio in una fabbrica del paese.

Lunedì pomeriggio i funerali, alle 15 nella parrocchiale di Borno. Il corteo funebre partirà dalla casa della madre, molto conosciuta in paese: lavora alla casa di riposo. Il cordoglio degli amici, anche su Facebook: “Ciao Rosso, ci mancherai tantissimo”.

Potrebbe interessarti

  • Come coltivare i pomodori nell’orto

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Viaggio al centro della Terra nelle miniere della Valtrompia

  • Biscotto di anguilla, baguette di lumache: i migliori ristoranti bresciani per il Gambero Rosso

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Commerciante e padre di famiglia, muore il giorno del suo compleanno

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Morte di Jennifer, la donna che l’ha investita accusata di omicidio stradale

  • Stritolato dai rulli del laminatoio, operaio perde la vita in fabbrica

Torna su
BresciaToday è in caricamento