Violento frontale dopo la curva, motociclista si schianta contro il parabrezza

Tre feriti domenica pomeriggio a Barghe, sulla Ss237 del Caffaro: in ospedale un centauro di 45 anni di Ghedi, nonna e nipote di 86 e 14. Sul posto due ambulanze e automedica

Foto d'archivio

Incidente stradale domenica pomeriggio sulla Statale del Caffaro, in territorio di Barghe, per fortuna senza gravi conseguenze. Il bilancio conta tre feriti, tra cui un ragazzino di 14 anni e un centauro ricoverato in ospedale con qualche (probabile) frattura. L'incidente intorno alle 16.30, all'altezza di San Gottardo.

La dinamica del sinistro è al vaglio della Polizia Locale della Valsabbia. A bordo di una potente Yamaha, un centauro di 45 anni residente a Ghedi avrebbe improvvisamente invaso la corsia opposta di marcia, subito dopo una curva, proprio mentre sopraggiungeva una vecchia Renault 5.

A bordo dell'utilitaria tre persone: l'uomo alla guida, padre di famiglia di 58 anni, il figlio di 14 e la nonna di 86. Si sarebbero trovati davanti la moto, senza avere né il tempo né la possibilità di evitarla, a poche centinaia di metri da casa (erano appena usciti).

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Inferno di lamiere all'alba, una buonissima notizia: la ragazza sta meglio

  • Cronaca

    Scomparsa da una settimana, la telefonata è arrivata: "Mamma sto bene"

  • Cronaca

    Maxi evasione fiscale: arrestati due imprenditori, sequestri per 4 milioni di euro

  • Politica

    "Una persona per bene": il ricordo commosso per il sindaco Guido Bussi

I più letti della settimana

  • Terribile schianto, muore infermiera: la piangono il marito e i figli

  • Anna manca da casa da alcuni giorni: l'appello della madre

  • Suicidio shock: si getta sotto al treno al quinto mese di gravidanza

  • Marco, 16 anni, è scomparso da due giorni

  • Imprenditori assaliti all’autogrill: un colpo da un milione di euro

  • Inaugurato il sentiero da sogno, dalle rive del lago all'altipiano

Torna su
BresciaToday è in caricamento