Famiglia sterminata, si cerca un altro camion: "Sono stato colpito due volte"

Forse un altro mezzo pesante potrebbe aver “partecipato” al terribile schianto che martedì scorso è costato la vita a sei persone, lungo la A21 poco prima del casello di Brescia Sud, tra Montirone e Poncarale

Un’ipotesi che in attesa di conferme definitive con il passare delle ore appare sempre più plausibile: nell’inferno di fuoco scatenatosi a seguito del terribile schianto di martedì scorso sulla A21, in cui hanno perso la vita sei persone tra cui tre bambini, potrebbe essere rimasto coinvolto anche un altro mezzo pesante, che però non si sarebbe fermato sul luogo dell’incidente.

Potrebbe essere uscito dal vicino casello di Brescia Sud, che in quel momento era un’uscita obbligatoria a causa di un altro incidente, meno grave e qualche chilometro più in avanti: la Polizia Stradale starebbe già passando al vaglio tutti i rilevamenti del Telepass in uscita, il pagamento dei biglietti, eventuali inquadrature delle telecamere di controllo.

Sarebbe una svolta nella ricostruzione di quanto accaduto, su cui ancora rimangono dei dubbi. Nella sua testimonianza l’autista sopravvissuto, quello che era alla guida dell’auto-cisterna carica di benzina che poi ha preso fuoco, ha raccontato di aver sentito sulla sua pelle due colpi ben distinti, che il suo camion era stato colpito due volte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vomita sangue in classe, muore dopo essere stato dimesso: 5 medici a processo

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

Torna su
BresciaToday è in caricamento