Liberarono i cuccioli, ora rischiano fino a 4 anni di carcere

Sono 13 gli attivisti sotto processo a Brescia per il blitz della primavera del 2012 nel canile Green Hill di Montichiari: accusati di furto e rapina impropria, lesioni e resistenza, rischiano fino a 4 anni

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Li abbiamo liberati, salvati da una morte sicura”. Si difendono così i 13 imputati accusati di reati come furto e rapina impropria, lesioni e resistenza: sono 13 attivisti che nella primavera del 2012 avevano fatto irruzione al canile Green Hill di Montichiari, riuscendo poi a liberare una settantina di beagle ancora cuccioli.

Memorabile la fotografia – scattata da Filippo Venezia e che ha fatto il giro d'Italia, e forse del mondo – che ritrae il piccolo cagnolino che passa di mano in mano, oltre la rete. Adesso rischiano pene tra gli 8 mesi e i 4 anni: questo avrebbe richiesto la magistratura.

La sentenza è prevista per novembre, e la mobilitazione animalista è già annunciata. Sono state infatti raccolte quasi 26mila firme, per un appello promosso da Animal Amnesty, e in cui si chiede la completa assoluzione per tutti gli imputati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • Coronavirus: morto cassiere di 57 anni, supermercato chiuso per lutto

Torna su
BresciaToday è in caricamento