Giallo di Marcheno, clamorosa svolta: "Ghirardini non si è suicidato, abbiamo le prove"

A rivelarlo il portavoce della famiglia dell'operaio, che è stato trovato morto 10 giorni dopo la scomparsa dell'imprenditore Mario Bozzoli

Giuseppe Gherardini

"Giuseppe non si è ammazzato e abbiamo la prova"  ad annunciare la svolta clamorosa è il portavoce della sorelle dell'operaio della fonderia Bozzoli trovato morto lo scorso 18 ottobre a Case di Viso. Roberto Stefana ha rivelato al Giornale di Brescia che tale prova deriverebbe dalla rilettura da parte dei consulenti della famiglia Ghirardini degli esami effettuati dai Ris di Parma sul cadavere dell'uomo.

Di che tipo di prova si tratti, al momento non è dato a sapersi, ma tutti gli elementi sono confluiti nella relazione che gli avvocati delle sorelle di Ghirardini consegneranno nei prossimi giorni agli inquirenti. 

Un annuncio shock che arriva in momento cruciale delle indagini e potrebbe rappresentare la tanto attesa svolta per risolvere il mistero della fonderia. Nelle prossime settimane la procura di Brescia dovrà infatti decidere se archiviare il doppio caso Ghirardini-Bozzoli o chiedere una proroga delle indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Investita mentre va in pizzeria con la famiglia, muore madre di tre figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento