Cacciatori invitati a scuola, per gli animalisti è inaccettabile

L'iniziativa è proposta dal Consorzio armaioli italiani, in classe arrivano cani, uccelli imbalsamati e storie di caccia, ma nessun fucile.

Cacciatori in cattedra, animalisti infuriati. Ciò che sta accadendo in una scuola primaria di Gardone Val Trompia travalica i confini provinciali e finisce sulla cronaca di alcune testate nazionali. Cosa è successo? Su proposta del Consorzio armaioli italiani il Consiglio d’istituto ha approvato un progetto di "lezioni" in classe alla presenza di cacciatori. 

L'intento del Consorzio degli armaioli non è quello di "indottrinare" i bambini e spingerli a diventare cacciatori, quanto quello di far prendere loro le distanze dal fenomeno del bracconaggio, spiegare i principi dell'ambientalismo («il cacciatore riapre i sentieri, pulisce i boschi»), insegnare il rispetto per la natura e per le regole, a partire da cosa si caccia e come si ottiene il porto d'armi. In classe (in terza, quarta e quinta) così arrivano i cani utilizzati per le uscite nel bosco, alcuni uccelli imbalsamati e le storie di un libro, “Il cacciatore in favola”, undici racconti a cura di Luca Gottardi, Patrizia Filippi e Daniela Casagrande.

Gli ambientalisti, e in particolare la Lav, ovviamente la pensa in maniera diametralmente opposta. Massimo Vitturi, responsabile nazionale area animali selvatici della Lav: «Non c’è alcuna differenza tra il bracconaggio e la caccia. Uccidere un animale nel rispetto della Legge o violandola non cambia nulla. La caccia oggi non è più necessaria. È grave parlarne a scuola». Vitturi, sentito dal Fatto Quotidiano, va oltre: «È preoccupante che questo progetto sia sponsorizzato dall’industria delle armi che cresce e prospera sull’uccisione non solo degli animali. Stiamo gettando le basi del sistema americano, è un processo di assuefazione dei ragazzi all’uso delle armi». 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • La storia che I cacciatori puliscono il sottobosco è vera solo per la loro postazione fissa. Con segnali più o meno espliciti invitano gli escursionisti a stare lontani. Sentieri e sottobosco sono in abbandono, non saranno certo i cacciatori a tutelare l'ambiente.

  • io non son cacciatore e tantomeno penso sia bello e giustificato uccidere animali selvatici. Però la caccia in Italia è ancora Legale e fino a quando lo sarà, i cacciatori avranno i medesimi diritti di tutte le altre persone di esprimere le loro opinioni e storie di vita in luoghi pubblici. Forse adesso dovremo vietare di leggere libri come "il vecchio e il mare" a scuola? oppure dovremo raccontare ai nostri figli che le bistecche sono prodotti industriali come le brioches? fate un bel referendum , vincetelo e poi ne riparleremo..

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Cronaca

    Pirlo e amaro serviti a quattro ragazzini, nei guai il bar della movida

  • Cronaca

    Ragazze portate d'urgenza al pronto soccorso, intanto il medico abusava di loro

  • Cronaca

    Feroce violenza tra le mura di casa: riempie di botte la madre, arrestato ragazzo

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Milano, incidente in A8: morto Maykoll Calcinardi di Riva del Garda

Torna su
BresciaToday è in caricamento