Fuga mozzafiato sul motorino rubato: arrestato dopo lo schianto contro un muro

Individuato grazie ai varchi installati agli ingressi del paese, un 20enne è stato bloccato a fatica dopo una fuga contromano

Immagine di repertorio

Li chiamano "varchi intelligenti", e sono davvero tali. Grazie a quelli installati alle porte di Rovato, la Polizia locale ha potuto intercettare e assicurare alla giustizia un giovanissimo clandestino, alla guida di un motorino rubato. L'arresto è avvenuto nel pomeriggio di giovedì, ed è raccontato sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane. 

La caccia all'uomo è iniziata quando la targa del ciclomotore rubato è stata intercettata dai varchi intelligenti. Una pattuglia è uscita in strada e nel giro di pochi minuti ha individuato il mezzo, dando il via all'inseguimento. Il giovane alla guida non ha esitato a entrare contromano in un vicolo del centro, per poi dirigersi verso la periferia. La corsa del motorino si è fermata contro un muro degli spalti, ma il ragazzo ha tentato di proseguire a piedi, correndo. Poco dopo però gli agenti l'hanno raggiunto, e infine bloccato. 

Una volta condotto al Comando, dalle impronte digitali è emerso che il giovane - 20 anni di età - è un clandestino tunisino entrato nel nostro Paese tre mesi fa. Per lui sono già state avviate le pratiche per l'espulsione. Il mezzo sul quale viaggiava (da un mese) invece è stato rubato ad Adro, ed è già stato restituito al legittimo proprietario.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento