Fatture false per 11 milioni di euro: nei guai imprenditore di Concesio

Gli uomini della Guardia di Finanza hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di una società di capitali, con sede in provincia di Brescia, operante nel settore della fusione di metalli non ferrosi.

L’attività ispettiva, originata da precedenti indagini di polizia giudiziaria, è stata orientata prevalentemente ad analizzare i costi annotati in contabilità negli anni dal 2011 al 2013.

E' stata così portata alla luce maxi frode fiscale, realizzata grazie all’utilizzo di fatture emesse da società diverse dalle effettive venditrici di merce (tutte operanti nella nostra provincia), per un importo complessivo di oltre 11 milioni di euro ed Iva pari a circa 2,4 milioni di euro.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento