Una vita per gli altri, strappata all'improvviso: morto a 60 anni Eugenio Papetti

Saranno celebrati il giorno di Santo Stefano i funerali di Eugenio Papetti, insegnante e sassofonista, militante di sinistra: aveva 60 anni, lo piangono i figli Davide e Marco

Eugenio Papetti

Su Facebook aveva cercato di sdrammatizzare, com'era nel suo carattere, il giorno del suo compleanno: “Purtroppo sono in ospedale per fare la revisione dei 60 anni, spero mi diano ancora il permesso di circolare”. E invece quel male arrivato all'improvviso non se n'era più andato, terribile: tanto da portarselo via con sé meno di due mesi più tardi.

Lascia un vuoto incolmabile, nel quartiere dove abitava e lavorava, in tutta la città e non solo: aveva 60 anni Eugenio Papetti, stimato insegnante alle scuole elementari Gezio Calini, al Carmine, appassionato di jazz e noto sassofonista, impegnato nella politica fin da giovane, quando era stato militante di Lotta Continua.

Sempre vicino a chi aveva bisogno, nel lavoro e nel volontariato: per anni ha insegnato anche al carcere di Canton Mombello, per dare un'istruzione a chi mai avrebbe potuto averla. Negli anni '90 si era fatto conoscere per il progetto “Un ponte per la Pace”, a margine dei conflitti della ex Jugoslavia. Negli ultimi tempi si era dedicato alla strage di Piazza Loggia, a cui aveva dedicato anche una pagina Facebook – “Processo di Brescia per la strage del 28 maggio 1974” – continuamente aggiornata sulle fasi del processo.

I ricordi di una vita

“Per tutta la durata del processo, e si tratta di anni – scrive Beppe Montanti – questa pagina ha consentito a migliaia di persone, in particolare ai giovani che nulla sapevano, di seguire le varie fasi e documentarsi su quel tragico momento della vita del nostro Paese. Di questo impegno e di questa determinazione, Eugenio, ti saremo sempre grati e riconoscenti”. E ancora, citando Fernando Pessoa: “Il permesso te lo diamo noi, vai per il tuo viaggio in compagnia del tuo sax e della tua musica. La morte è la curva della strada, morire è solo non essere visto”.

Lo piangono i figli Davide e Marco, che ringraziano “tutte le persone che ci hanno accompagnato in questo difficile momento”. Le esequie verranno celebrate mercoledì 26 dicembre, alle 13.45, nella chiesa di San Faustino. Il corteo funebre partirà dall'obitorio della Domus Salutis, poi si proseguirà per il cimitero di San Francesco.

Potrebbe interessarti

  • Per tutta estate il paese illumina strade e palazzi: sul lago il borgo più romantico d'Italia

  • Comune di Brescia: sedi CAAF Cgil

  • Le 5 migliori spiagge del lago di Garda

  • CAAF Cisl di Brescia: indirizzo, telefono, orari

I più letti della settimana

  • A tutta velocità, fermato dalla Polizia: a bordo c’è un bimbo che sta male

  • Si sporge dal finestrino, ragazzo cade dal furgone in corsa e muore sul colpo

  • Addio al celibato degenera nell’alcol: pene gigante contro i passanti

  • In arrivo un'ondata di caldo record: quando è previsto il picco

  • Tenta il suicidio nel ristorante dove lavora, gravissimo giovane cameriere

  • Tragica morte di ‘Ale’, la svolta: operaio indagato per omicidio colposo

Torna su
BresciaToday è in caricamento